Come mantenere la posizione dei denti dopo il trattamento ortodontico?

contenzione 1

Alla fine di alcuni tipi di trattamento ortodontico inizia un periodo delicato, che si chiama periodo di contenzione o mantenimento. È una fase dedicata al consolidamento dei risultati raggiunti ed alla loro stabilizzazione.

Quando viene modificata la posizione degli elementi dentari, indipendentemente dalla durata della cura, i denti tenderanno a tornare verso la loro posizione originale. È una tendenza naturale dei denti ed in parte è anche dovuta all’eventuale crescita residua delle basi ossee.

La contenzione può essere effettuata con apparecchiature rimovibili, ad uso notturno, o con piccoli dispositivi fissi incollati sulla superficie linguale dei denti.

In ogni caso è fondamentale osservare scrupolosamente le indicazioni dell’ortodontista, sottoporsi alle visite di controllo programmate e riferire tempestivamente ogni problematica.

Problemi legati alla contenzione fissa e mobile

Problemi che possono insorgere durante il periodo di contenzione con dispositivi rimovibili:

  • Le contenzioni non entrano più: per quanti sforzi si facciano, non riescono più ad entrare. Se le contenzioni non sono state messe per un periodo di tempo sufficientemente lungo per mantenere la posizione dei denti, essi si spostano e sarà impossibile utilizzarle. L’ortodontista cercherà di riadattare gli apparecchi ma se questo non sarà possibile, andranno prese delle nuove impronte per delle contenzioni nuove. In più, vi verrà di nuovo spiegato che il vostro comportamento potrà vanificare il lavoro raggiunto con tanta fatica. Se non mettete le contenzioni almeno durante il periodo notturno, i denti saranno liberi di muoversi a loro piacimento.
  • Le contenzioni non si trovano più: se invece di riporre le contenzioni nelle apposite scatoline, queste vengono messe dove capita, magari dentro le tasche o dei fazzolettini di carta, può capitare che quando qualcuno getta i fazzolettini le contenzioni vengano smarrite. Dunque seguite il consiglio di mettere le contenzioni negli unici due posti dove devono stare: o in bocca o nelle scatoline.
  • Le contenzioni si sono rovinate: accade se non vengono state pulite secondo le istruzioni ricevute. Ovviamente le contenzioni devono essere pulite solo nel modo appropriato: spazzolatele con acqua e sapone liquido ogni giorno e riponetele ben asciutte nella scatolina (altrimenti prendono cattivo odore) e una volta a settimana se volete potete metterle a bagno in un bicchiere d’acqua con una pasticca effervescente per la pulizia degli apparecchi mobili (che si trova in farmacia).

Problemi che possono insorgere durante il periodo di contenzione fissa (splintaggio)

  • Lo splintaggio si rompe o si distacca dalla superficie dei denti: contattare immediatamente lo studio e fissare al più presto un appuntamento in urgenza per la riparazione, altrimenti si corre il rischio che avvengano degli spostamenti dentali indesiderati.

Prenota subito la tua visita ortodontica a Pisa